I migliori cocktail a base di vino

Per chi non vorrebbe rinunciare mai al nettare degli dei ma in alcune occasioni è costretto ad adeguarsi, esistono tantissimi cocktail che possono essere realizzati con il vino: bianco, rosso o con bollicine non importa; ciò che conta veramente è il gusto e la freschezza degli ingredienti.

Da farselo preparare dal proprio barman di fiducia o da realizzare facilmente a casa da soli per un evento particolare come un aperitivo tra amici, il vino non deve mancare mai quando ci sono momenti di convivialità.

Ecco alcune ricette da assaggiare soon as possible:

Il cocktail all’arancia

Un ottimo aperitivo semplice da preparare anche in casa, basta aggiungere delle fette di arancia ad un bel bicchiere di vino rosso ed il cocktail è servito! Come vino base un Montepulciano d’Abruzzo è perfetto, si raccomanda di servirlo fresco.

Lo spritz

È il re degli aperitivi dalla Valle D’Aosta alla Sicilia anche se è nato in Veneto nell’800; dalla versione originale ne sono state prodotte tantissime varianti. La ricetta base propone i seguenti ingredienti:

Prosecco, Aperol e fette di arancia di solito viene aggiunta anche la soda, se volete assaggiare la vera e propria ricetta nata sotto il dominio austro ungarico dovete andare a Trieste per assaggiarlo dove è composto da solo vino e acqua gassata.

Il bellini

Nato grazie al cielo per merito di un capo barista di Venezia. Il nome di questo cocktail si deve al suo colore che ricordava le tinte delle tele del famoso pittore. La preparazione di questo cocktail è semplice e veloce: basta unire uno spumante Brut, in genere un Prosecco, con una purea di pesca che regala alla bevanda un gusto fruttato e leggero. Il bellini era il cocktail preferito di Hemingway, ti serve un motivo in più per decidere di assaggiarlo?

Rossini

Creato dallo stesso capo barista di Venezia che diede vita al bellini, Giuseppe Cipriani. Questo cocktail è una variante del bellini classico, che vede usare una polpa di fragole al posto di quella di pesca. Quindi basta aggiungere ad un prosecco polpa di fragole fresche. Perfetto per gli amanti delle fragole, dal sapore fresco e fruttato.

KIR

Cocktail, a base di vino bianco, ideale per un aperitivo. La ricetta del Kir prevede l’aggiunta “crème de cassis”, ovvero liquore di ribes nero che dà il coloro alla preparazione, al vino bianco solitamente vino Borgogne Aligotè o Chablis.

Il kir deve la sua nascita ad un prelato e sindaco di Digione in Borgogna, ben presto si diffuse in tutta la Francia diventato il cocktail più consumato durante gli aperitivi d’oltralpe. Ci sono anche delle varianti che sostituiscono il vino bianco con lo Champagne.

HUGO

L’Hugo o Spritz Hugo è un cocktail nato in Alto Adige ma molto diffuso anche in in Germania, Austria e nel Triveneto in alternativa al tradizionale Spritz. La ricetta prevede Prosecco, sciroppo di fiori di sambuco, selz e foglie di menta fresca. Nella ricetta originale veniva utilizzato lo sciroppo di melissa, poi sostituito con quello di fiori di sambuco in quanto più diffuso e quindi più facile da reperire.